Archivi della Guerra fredda: l’Open Society Archives in Ungheria

A Budapest, da vent'anni, è in funzione l'Open Society Archives (OSA), uno dei più grandi archivi del mondo dedicato alla documentazione della Guerra fredda, prodotta dai Paesi dell'ex blocco sovietico.

Vecchie e nuove migrazioni: incontro di culture

Un'esperienza didattica a più voci sulle migrazioni antiche e moderne, da Ellis Island a Lampedusa, attingendo ai fondi conservati nell'Archivio di Stato di Salerno.

Gli archivi dei dispersi della Seconda guerra mondiale

Nei giorni 6 e 7 giugno 2016 si è tenuto a Roma, nella sede prestigiosa dell’emeroteca del Collegio romano, il 79° incontro annuale della Commissione internazionale per l’International Tracing Service, il centro di documentazione costituito dalle potenze alleate all’indomani della seconda guerra mondiale per favorire la ricerca dei dispersi.

«Come Enea con Anchise». Storia e archivi tra le generazioni

Premiazione del concorso Tracce di memoria, bandito dal Portale della Rete degli Archivi per non dimenticare (SAN), alla Camera dei Deputati.

La rivolta e la memoria: squilibri d’un progresso culturale

Albert Camus, parlando di cose assai serie definì la rivolta un principio anti-nichilista. Individuò un divario ideologico fra ribellione metafisica e ribellione storica prima di contrapporre entrambe alla ricerca di equilibrio.

Un progetto

 flipboard icon

Login Form

Registrati e accedi per dialogare con "Il mondo degli archivi"


Per registrarsi e autenticarsi è necessario accettare i cookies.