Digital Preservation Awards 2016: ecco i vincitori

I vincitori dell'edizione 2016 dei Digital Preservation Awards sono stati annunciati a Londra il 30 novembre.

L'edizione 2016 è stata la più partecipata e internazionale delle precedenti, con progetti arrivati da tutti i continenti e ha premiato le persone e le organizzazioni che più hanno innovato e contribuito nel campo della conservazione digitale.

I vincitori di quest'anno sono stati, per ciascuna categoria:

  • Ricerca e innovazioneDutch National Coalition for Digital Preservation and NDE, Constructing a network of nationwide facilities together, "Unire le forze per la nostra memoria digitale" è il motto di questo progetto olandese che ha come obiettivo lo sviluppo di una infrastuttura nazionale per la conservazione digitale che superi la frammentazione attuale e permetta una collaborazione fra diversi domini di ricerca;

  • Insegnamento e comunicazioneThe National Archives and The Scottish Council on Archives, Transforming Archives/Opening Up Scotland’s Archivesun progetto triennale fra Inghilterra e Scozia che si è impegnato nella formazione una nuova generazione di archivisti prevalentemente orientati alle problematiche della conservazione digitale;

  • La più importante ricerca di studenti sulla conservazione digitale: Anthea Seles, University College London and The Transferability of Trusted Digital Repository Standards to an East African context’, uno studio approfondito sulla possibilità di applicare gli standard e le prassi di conservazione digitali nel particolare contesto socio-econmico, culturale, accademico e infrastrutturale dell'Africa Orientale;

  • Progetti di conservazione digitale applicati all'industria: HSBC, Global Digital Archive System (GDA)il progetto e l'attuazione di strategie di conservazione digitale applicato agli archivi del gruppo bancario HSBC;

  • Salvaguardare l'eredità digitaleAmsterdam Museum and Partners, The Digital City revives: A case study of web archaeologyun caso di archeologia digitale applicato alla DDC, la prima città virtuale creata nel 1994 come primo sito internet olandese, e oggi in corso di salvataggio dal Museo della Città di Amsterdam;

  • Premio di adesione alla Digital Preservation Coalition: Brewster Kahle, Internet Archiveil celebre sito che permette di tornare "indietro nel tempo" attraverso la Wayback Machine e visualizzare le pagine web come se fossimo nel passato.

Qui si può visualizzare il video della cerimonia di premiazione

Leggi l'articolo sui Digital Preservation Awards

Per commentare effettua il login
  • Nessun commento trovato

Un progetto