Il servizio di consultazione on line delle pubblicazioni della Direzione generale Archivi

Il servizio di consultazione in rete delle pubblicazioni della Direzione generale Archivi è raggiungibile dalla sezione Biblioteca Digitale del sito web istituzionale dell’Amministrazione archivistica ed è attivo, nella sua forma attuale, a partire dalla seconda metà dell’anno 2012, quando, grazie a uno specifico database creato per la gestione delle edizioni digitali delle diverse collane editoriali, si rendeva disponibile ai lettori una funzione di ricerca online - semplice o avanzata – sull’intero catalogo delle pubblicazioni curate dalla DGA.

In considerazione dell’importanza e delle frequenti richieste di consultazione del materiale pubblicato dagli Archivi di Stato, già anni prima si era stabilito di renderlo disponibile agli utenti per la fruizione in rete, e ciò anche per risolvere il problema delle numerose opere non più in distribuzione perché esaurite da tempo e difficilmente reperibili.

Nel 2007 la Direzione generale Archivi aveva avviato in maniera programmata e sistematica il progetto di digitalizzazione del proprio catalogo editoriale, recuperando dalle tipografie delle case editrici, con lo scopo di rielaborarli, i file pdf utilizzati per l’impaginazione dei testi prima di essere mandati in stampa. Il recupero e il perfezionamento dei file dalle tipografie consentiva inizialmente di produrre una trentina di titoli da mettere in rete.
In questa prima fase gli indici delle collane editoriali delle PAS pubblicati sul sito web istituzionale venivano di volta in volta aggiornati in forma di elenchi numerati contenuti all’interno di semplici tabelle statiche, implementate ogniqualvolta si disponeva di un nuovo volume digitalizzato da pubblicare.
Al contempo prendeva avvio all’interno della DGA un’attività continuativa di acquisizione tramite scanner delle immagini delle pubblicazioni degli Archivi di Stato, immagini elaborate in volumi digitalizzati con testo ricercabile, corredati di indici attivi ed infine pubblicati sul web.
Con questa attività gestita in maniera autonoma la DGA ha potuto realizzare le edizioni digitali di quei volumi dell’Amministrazione archivistica dati alle stampe prima dell’avvento dell’informatica nell’editoria.

L’avvio di questa fase di scansione ed elaborazione dei file pdf di volumi pubblicati dalla Direzione negli anni precedenti in formato analogico si concretizzava anche in virtù dell’esperienza maturata in tal senso all’ interno della stessa Direzione generale nei primi anni 2000, quando si iniziò a offrire ai lettori dal primo sito web della DGA tutta una serie di testi scelti in materia di archivistica, paleografia, diplomatica, sfragistica e storia delle istituzioni. Volumi classici, come i trattati e i manuali di archivistica del Brenneke o del Casanova, gli Almanacchi reali di tutti gli Stati italiani preunitari, i trenta tomi settecenteschi delle Osservazioni istoriche sopra i sigilli antichi de' secoli bassi del Manni e i ventiquattro volumi ottocenteschi del Bullarium Romanum andavano a popolare con altri oggetti digitali, acquisiti tramite scansioni realizzate dal personale della Direzione, una piccola ma dignitosa Biblioteca in rete che oggi raccoglie 127 titoli suddivisi in quattro collane e che è migrata nel 2009 sul sito web dell’Istituto Centrale per gli Archivi, dove è consultabile.
Questo servizio, oltre ad offrire materiali di studio consultabili in rete, rappresenta oggi una testimonianza dei livelli tecnologici degli anni in cui fu impostato e implementato, quando le connessioni internet in Italia andavano aumentando tramite l’utilizzo di modem a 56kbps ed i costi per gli utenti erano dettati dai tempi di durata della navigazione sul web. La lentezza e i costi delle connessioni a internet ebbero allora un peso vincolante nella scelta di elaborare file di piccole dimensioni e di suddividere un’opera in più parti: si voleva rendere accessibili più velocemente i contenuti e al contempo ridurre la spesa del collegamento per i lettori.

Per concludere alcuni dati in sintesi: il catalogo della produzione editoriale degli Archivi di Stato è raggiungibile dalla sezione “Cerca nelle pubblicazioni” del sito web della DGA, che attualmente offre agli utenti in rete la possibilità di consultare, scaricare e stampare gratuitamente le serie complete delle collane editoriali “Strumenti” (103 volumi), “Saggi” (116 volumi), “Quaderni della Rassegna degli Archivi di Stato” (111 volumi) e “Sussidi” (13 volumi).
Delle restanti collane di cui è in programma il completamento, è possibile al momento fruire di 42 volumi sui 97 usciti nelle “Pubblicazioni degli Archivi di Stato”, di 37 titoli sul totale di 49 delle “Fonti”, di 18 titoli “Fuori Collana” su 47.
Per quanto riguarda i fascicoli della «Rassegna degli archivi di Stato», sono ad oggi disponibili tutti quelli pubblicati a partire dall’annata LX (2000), oltre al numero monografico 2-3 del 1984 dedicato agli archivi d’impresa e al primo numero del precedente periodico «Notizie degli Archivi di Stato», pubblicato nel 1941.
Degli altri anni, sono disponibili online i soli sommari, allegati alle schede delle singole annate.
Il progetto, che sin dall’avvio della sua realizzazione non ha comportato alcun costo aggiuntivo a carico dell’Amministrazione, prevede anche la digitalizzazione delle numerose pubblicazioni curate dagli Istituti archivistici, che assommano a diverse centinaia di titoli, dei quali per adesso è stato possibile renderne disponibili soltanto 9.

La pagina “Cerca nelle pubblicazioni” ha ricevuto complessivamente in questi anni circa 122.000 visite dagli utenti in rete.
Buona lettura.

Per saperne di più

Icar - Biblioteca

DgA - Biblioteca digitale

DgA - Cerca nelle pubblicazioni

 

 

Per commentare effettua il login
  • Nessun commento trovato

Un progetto

 flipboard icon

Login Form

Registrati e accedi per dialogare con "Il mondo degli archivi"


Per registrarsi e autenticarsi è necessario accettare i cookies.